Calvizie, un medicinale per combatterla fa male al sesso

Uno dei farmaci più usati contro la calvizie, il finasteride (Propecia), aumenta la crescita dei capelli negli uomini, ma a volte ha avuto qualche controindicazione ancora peggiore: lo sviluppo di problemi sessuali. Una rassegna delle ricerche recenti ha scoperto che gli uomini con la forma più comune di calvizie che hanno preso il finasteride hanno avuto più probabilità di avere un aumento della conta e dello spessore dei capelli, ma circa uno su 80 aveva anche disfunzione erettile. L’analisi è stata pubblicata negli Archives of Dermatology.

Tuttavia, gli uomini con effetti collaterali sessuali non avevano intenzione di smettere di prendere il farmaco.

Sembra che la maggior parte degli uomini che prendono questo farmaco in realtà preferiscono avere i capelli

ha spiegato l’autore dello studio, il dottor José Manuel Mella dell’Alemán Hospital di Buenos Aires.

Fino alla metà degli uomini che hanno esperienza di perdita di capelli soffre di alopecia androgenetica, una condizione che si verifica dopo i 50 anni di età. Il finasteride funziona bloccando un enzima che converte il testosterone in diidrotestosterone, l’ormone responsabile della caduta dei capelli.

Diversi studi hanno valutato l’efficacia del finasteride, ma questioni aperte sono rimaste sui suoi potenziali effetti collaterali. Per rispondere a queste domande, Mella e il suo team hanno analizzato la letteratura medica su 12 studi che comprendevano quasi quattromila uomini. Hanno così scoperto che coloro che avevano assunto finasteride notavano un miglioramento del 30% dopo due anni, ma che questi continuavano nonostante l’insorgere di alcuni problemi sessuali.

I pazienti devono discutere le loro preferenze con i medici

ha consigliato il ricercatore. La conferma è arrivata dal dott. Matt Leavitt, co-autore di uno degli studi inclusi nell’analisi, ed un convinto sostenitore di questo farmaco. Leavitt ha infatti spiegato che

c’è un paziente ogni tanto che descrive un effetto sessuale collaterale. Ma la maggior parte sono disposti a provare il medicinale, pur sapendo che possono semplicemente smettere di prenderlo in caso di problemi.

[Fonte: Health24]

Lascia un commento