Colesterolo aumenta con l’insonnia?

Il colesterolo aumenta con l’insonnia? E’ questo che sostiene lo studio condotto dagli scienziati dell’Università di Helsinki. La mancanza di sonno può arrivare ad essere pericolosa tanto quanto il diabete quando si tratta di metabolismo dei carboidrati e del colesterolo.

donna insonne

Sono diverse le ricerche pregresse che indicano come il dormire poco possa essere controproducente per la propria salute, ma non era nozione comune il fatto che i livelli di colesterolo potessero venire influenzati anche da questa brutta “abitudine”. Pubblicato sulla rivista di settore Scientific Report, lo studio spiega come la salute dei vasi sanguigni risenta del non dormire agendo direttamente sulle lipoproteine presenti nel sangue. E lo fa attraverso l’analisi del DNA e dei geni di 21 persone, comparando il tutto con i risultati di due studi epidemiologici coinvolgenti un campione, rispettivamente, di 2221 e 518 individui.

Ciò che è emerso mostra che i geni adibiti alla regolazione del trasporto del colesterolo nei vasi sanguigni sono meno attivi nelle persone che soffrono di insonnia e dormono di meno, portando contestualmente anche ad un calo dei livelli di colesterolo buono. Una situazione questa che spesso sfocia in problemi cardiaci e in aterosclerosi. Attenzione quindi a sostenere, per lo meno, una dieta bilanciata e povera di colesterolo: secondo i ricercatori i primi risultati “negativi”, così come mostrato dalla loro sperimentazione, si otterrebbero dopo solo una settimana di sonno scarso. Spiega la  dott.ssa Vilma Aho, coordinatrice dello studio e tra le responsabili dello sleep team dell’Istituto:

La sperimentazione da noi condotta ha mostrato che una sola settimana di sonno insufficiente inizia a cambiare la risposta immunitaria dell’organismo ed il suo metabolismo. Il nostro prossimo obiettivo è scoprire quale sia la quantità minima di sonno necessaria affinché questi cambiamenti negativi scattino.

Ancora una volta il nostro stile di vita mostra di avere un’influenza più che superficiale sul nostro stato di salute.

Photographee.eu

Lascia un commento