Ho deciso di andare leggero e di non resistere al di fuori

Molti di noi hanno assunto in molte occasioni i carichi degli altri e di problemi che non erano le nostre. Dobbiamo farlo in libertà, e siamo convinti che, se si vuole apprezzare qualcuno, il più adatto è quello di aiutare, sostenere e condividere le difficoltà.

Se è vero che non è sempre facile mantenere una distanza emotiva di fronte a delle personali difficoltà altrui, a volte, è necessario per raggiungere questo obiettivo. Per il nostro benessere psicologico e per la nostra salute.

È chiaro che ci sarà sempre fare l’impossibile per la nostra famiglia e gli amici, non c’è dubbio, ma quando abbiamo oltrepassato quel limite in cui ci prendiamo cura della nostra salute, ci sarà più utile di tutto il mondo, anche a noi stessi.

Vi invitiamo a riflettere su di esso.

Carichi di altri e i problemi degli altri: responsabilità

Si Assume come propri i problemi e gli oneri di altri è qualcosa di comune tra molte donne e anche tra i genitori.

Sono persone che cercano, soprattutto, per alleviare la sofferenza personale, i loro figli o altre persone a pensare che le cose stanno andando a risolvere. Tuttavia, questa regola non è sempre.

Pensiamo per qualche istante su queste idee.

Il ruolo del “salvatore”

A volte, la persona che sceglie di offrire aiuto e di fare i propri carichi di là di stabilire un rapporto di dipendenza è molto complicato.

Abbiamo paura di dire “no” per paura di un danno, che ci obbliga a cedere al punto di sentire che, a volte, l’altra persona non prendere in considerazione i nostri sentimenti, o che il confine tra ciò che è lecito chiedere e cosa no. Agire come salvatori non sempre risolvere le cose. In molti casi, ciò che si ottiene è di aggravare la situazione, perché ora “il problema è condiviso, e gli oneri a diventare più dannosi.

Leggi anche “quello che dobbiamo lasciar andare per essere felice“

mujer-bailando

Ascoltare i problemi degli altri, ma non a fare la tua

Istituzione di un’adeguata distanza emotiva è qualcosa di essenziale che si dovrebbe imparare a praticare.

È ovvio che tutto dipenderà la vicinanza che abbiamo con la persona che ha problemi, e non possiamo agire allo stesso modo con un bambino con un collega di lavoro. Tuttavia, è necessario prendere in considerazione i seguenti:

Di assumere come proprie le difficoltà degli altri, come abbiamo detto, non è sempre la soluzione. Saremo in grado di agire in maniera più costruttiva, offrendo sostegno, conforto emotivo e la motivazione. Un problema che dovrebbe essere affrontato con le loro strategie e di agire con coraggio e maturità, ma mai di appuntare con gli altri.

A titolo di esempio: abbiamo un fratello che non riesce a trovare un lavoro. Vi aiutiamo a tutto il necessario e anche di cercare una occupazione. Tuttavia, si recrimina “che l’occupazione non si andare con lui, che aspira a qualcosa di meglio”.

Come hanno agito? Invece di andare a “salvatori,” è meglio ascoltare, per supportare tutto il necessario, ma permettono di essere il fratello che, da sé, è quello di sviluppare le proprie strategie necessarie per raggiungere l’obiettivo che si desidera.

Da non perdere: “a colui che cerca la discordia, utilizzate il silenzio“

Preoccupare le persone che vogliamo è legittimo e comprensibile, ma, a volte, è meglio non “fare i problemi degli altri”, perché sono gli altri che devono trovare la soluzione migliore per le proprie esigenze.

mujer-soplando-un-diente-de-león feliz por no soportar cargas ajenas

Agisce come un esperto in te stesso per offrire il meglio agli altri

Non dando tutto quello che abbiamo intenzione di essere il più amato o più rispettati dagli altri. A volte, questo rapporto non è soddisfatta.

Viviamo in una strana società in cui si crede comunemente che quello che più dà è più ingenuo, e chi ha più da offrire non sarà mai in grado di darci un negativo. Non è adeguato.

Pertanto, è necessario essere esperti di noi stessi, e di agire con equilibrio, di auto-protezione e con una buona stima di sé per prendersi cura della nostra integrità e, quindi, dare il meglio di noi stessi agli altri.

Vale la pena di riflettere su queste idee.

Dare un rifiuto al momento giusto è non smettere di offrire aiuto. A volte, è un ottimo modo per ottenere l’altra persona per essere in grado di sviluppare le loro strategie che saranno più utili: evitare la dipendenza. In negativo a chi non ha mostrato rispetto e che pensate che il vostro unico compito è di aiutarli a capire che anche tu hai delle esigenze e dei limiti che devono essere rispettati. Non sento male per dire “NO”. Così facendo, potremo agire con risolutezza e con la maturità emotiva, perché è di prenderci cura della nostra autostima, a dare il meglio di noi stessi quando siamo noi a decidere di dire “sì”.

Consigliamo di leggere: “ho imparato ad essere forte quando ho scoperto che ho dovuto alzarmi da solo“

amigas abrazas disfrutando del tiempo justas

Per concludere, ognuno di noi è libero di accettare certi carichi al di fuori, se lo desideri.

Tuttavia, sempre di farlo perché è questo quello che vuoi, non mi sento sotto pressione e ricorda che la tua autostima e il tuo benessere emotivo saranno gli indicatori che vi dirà fino a che punto si sta andando ad ottenere.

Vale la pena di avere in mente di prendere una migliore cura dei nostri rapporti personali.

Lascia un commento