Raffreddore: la cura con i rimedi omeopatici

Raffreddore cura rimedi omeopatici

Il raffreddore è uno dei malanni tipici della stagione fredda ed è un’infezione di tipo virale che interessa le prima vie respiratorie, soprattutto naso e gola. I sintomi del raffreddore si sviluppano rapidamente e sono: naso chiuso, muco, tosse, mal di gola, starnuti, febbre bassa e sensazione di malessere generale. Vediamo insieme quali sono i rimedi omeopatici più efficaci.

Rimedi omeopatici per raffreddore e mal di gola

I rimedi omeopatici utilizzati per il trattamento del raffreddore e del mal di gola sono:

  • Aconitum napellus 5CH: è indicato in caso di tosse secca e mal di gola. Si consigliano 3 granuli ogni 3 ore.
  • Arsenicum album 4CH: è consigliato in caso di tosse secca, con sensazione di soffocamento, sudorazione e brividi. La dose è di 3 granuli ogni 3 ore.
  • Belladonna 5CH: è indicata in caso di tosse con bruciore, rossore e dolore alla gola, anche in seguito a sindrome influenzale. Si consigliano 3 granuli ogni 3 ore.
  • Ipeca 4CH: è indicata in caso di tosse grassa, accompagnata da nausea, vomito di catarro, dispnea e abbondante salivazione.
  • Bryonia 5CH: è indicata in caso di tosse secca e dolorosa, con spasmi, aggravata dal movimento, accompagnata da cefalea, secchezza della trachea, sete intensa di acqua fredda. Si consigliano 3 granuli ogni 2-3 ore.
  • Pulsatilla 6CH: è indicata in caso di tosse secca di notte e grassa di giorno, con secrezione densa e giallastra. Si consigliano 3 granuli ogni 3 ore.
  • Sambucus nigra 5CH: è indicata in caso di tosse secca, con sensazione di pressione e fitte al torace che si manifestano specie quando si inspira o quando si tossisce. Si consigliano 3 granuli ogni 2-3 ore.

Rimedi omeopatici per i bambini

I rimedi omeopatici sopra descritti sono indicati anche per i bambini e i neonati in quanto le sostanze omeopatiche vengono diluite numerose volte e non presentano effetti collaterali, pur mantenendo la capacità di stimolare la risposta di autoguarigione dell’organismo. È comunque sempre opportuno rivolgersi al proprio medico o al farmacista per avere informazioni sulla corretta modalità di assunzione.

Via| Rimedi Omeopatici;

Lascia un commento