Rimedi omeopatici per i disturbi della voce

Le corde vocali sono il principale strumento che usiamo per comunicare: con le parole, con il canto. Vediamo insieme i principali rimedi omeopatici per i disturbi della voce.

donna con mano sulla gola

Non bisogna sottovalutare i disturbi della voce che possono affliggerci. Non saremo cantanti pronti ad esibirsi su un palco come quello di Sanremo, ma ciò non toglie che sia necessario curare le nostre corde vocali e le parti del corpo adibite al loro sfruttamento con attenzione. L’omeopatia può venirci incontro il tal senso, soprattutto se le stesse sono coinvolte in infiammazioni.

I principali disturbi delle corde vocali

Le patologie che affliggono le corde vocali sono spesso legate allo stile di vita che una persona conduce o correlate a virus e infezioni batteriche dalle quali si può venire contagiati. Le principali sono raucedine, fonastenia e afonia.

Quando la causa è il reflusso gastroesofageo

Quando la causa dei disturbi della voce è il reflusso gastroesofageo sono molti di più i fattori dei quali tenere conto. Questo perchè per curare i problemi della voce e delle corde vocali è necessario prima di tutto approcciare terapeuticamente la patologia gastrointestinale.

Rimedi omeopatici per i disturbi della voce

Se la causa dei problemi alle corde vocali è dato dal reflusso sono indicati per il trattamento il Kalium bichromicum 9 CH e Argentum nitricum 9 CH. La posologia è di 4 granuli 3 volte nel corso della giornata lontano dai pasti. Si possono aggiungere 5 granuli di Robinia pseudo-acacia 9 CH la mattina e la sera.

Se si vogliono curare con i rimedi omeopatici i disturbi della voce come raucedine, fonastenia ed afonia si può puntare su Homeox, è un medicinale omeopatico pensato appositamente per queste malattie, sviluppato dalle sostanze naturali di solito utilizzate in omeopatia per curare la laringite, il mal di gola. Due compresse ogni 2-3 ore fino al calare dei sintomi è la quantità ideale da assumere. Si possono aggiungere Sambucus 5 CH con posologia di 5 granuli la sera prima di dormire e Phytolacca 7 CH in dosi di 5 granuli ogni 2-3 ore. Se i disturbi compaiono dopo il freddo si possono prendere Aconitum 9 CH nella dose di 5 granuli ogni 2-3 ore. Se la gola è arrossata Arum triphyllum 9 CH (5 granuli ogni 2-3 ore).

Fonte | Dott. Roberto Ciuffolotti

Lascia un commento