Tè verde e creme solari per abbronzatura perfetta

Un’abbronzatura perfetta? E’ possible grazie al tè verde e delle creme solari di protezione. Spesso si pensa che ottenere un bel colore della pelle dall’esposizione al sole sia solo un fattore legato alla permanenza sotto lo stesso.

portrait of happy young woman relaxing on beach

In realtà vi è molto di più coinvolto. Per ottenere un’abbronzatura uniforme e della tonalità che più ci aggrada possiamo aiutarci anche consumando cibi e bevande in grado di favorire il nostro scurire epidermico senza per questo metterci in pericolo.  Basta davvero poco.

Creme solari protettive

La prima cosa da fare per ottenere un’abbronzatura sana esponendosi al sole è quella di utilizzare delle creme solari protettive: bisogna smettere di pensare erroneamente che l’utilizzo di schermi per la pelle non dia modo alla stessa di assorbire dai raggi quella parte del loro spettro in grado di stimolare la produzione di melanina: esse servono solo a bloccare i raggi UV, pericolosi per la salute ed importante fattore di rischio nei confronti del melanoma e di altri tumori della pelle. E’ bene tenersi lontani anche dalle creme abbronzanti: sono solo coadiuvanti di scottature, colpi di calore e problemi dell’epidermide.

Idratare la pelle

Una pelle idratata sarà più propensa ad abbronzarsi: bere la giusta quantità di acqua e applicare le creme solari e lenitive almeno 30 minuti prima di esporsi al sole aiuterà ad ottenere un piacevole colore ambrato, più o meno scuro a seconda del proprio fototipo.

Tisane da bere e scrub

Ciò che spesso si ignora, come anticipato, è che anche ciò che consumiamo può aiutarci ad ottenere un’abbronzatura corretta e piacevole esteticamente. Il tè verde è senza dubbio tra le tisane abbronzanti più valide, insieme a quelle preparate con il mallo di noce, la calendola ed il mirtillo. Viene infatti spesso ignorato che le piante fotosensibilizzanti aiutano ad aumentare gli effetti della luce solare. Lo scrub, eseguito a cadenza regolare, aiuta l’epidermide a disfarsi della pelle morta ed a far “attecchire” meglio la nuova abbronzatura.

Lascia un commento